Rifugi

Caricamento mappa...

Caricamento

Rifugio Rosetta – Giovanni Pedrotti

 

rilevatore: Diego De Re

Al centro dell’altopiano delle Pale di San Martino, poco ad est del Passo omonimo, è uno dei più vecchi rifugi della SAT.

Rifugio Pian dei Fiacconi

rilevatori: Riccardo Fanton, Sergio Pancheri, Marco Schonsberg (Corso di Disegno automatico, Corso di Laurea in Ingegneria edile – Architettura dell’Università di Trento, prof.ssa Giovanna Massari)

Struttura a gestione privata posta sul versante nord della Marmolada. L’edificio, costruito nel 1946, è legato allo sviluppo dello sci estivo in Marmolada ed in particolare alla coeva costruzione della seggiovia Fedaia – Pian dei Fiacconi, la prima in Italia. Lo chalet sorge infatti in adiacenza alla stazione superiore. La struttura ha subito diverse trasformazioni e ampliamenti nel corso degli anni, fino al raggiungimento della forma attuale. La sua posizione strategica ne consente l’utilizzo sia in estate, come punto d’appoggio per escursioni alpinistiche, sia in inverno, per attività di sci/scialpinismo

 

Rifugio Duca d’Aosta

cartolina-frontale-estiva-1957 cartolina-frontale-invernale-1953 cartolina-sud-est-1962 cartolina-terrazza-1953 cartolina-tofane-1900 duca duca1 pianta-interrato_bn pianta-piano-terra_bn pianta-primo-piano_bn pianta-sottotetto_bn prospetti_bn

Rilevatore: Diego De Re

Il rifugio Duca d’Aosta sorge sul versante sud-est delle Tofane, in una splendida posizione panoramica.
Dal rifugio la vista sulla valle d’Ampezzo non ha paragoni, è davvero magnifica. Oltre alla conca ampezzana, si possono inoltre ammirare alcune delle maggiori cime dolomitiche: la solida piramide dell’Antelao, il selvaggio Sorapìs, il Cristallo e più a nord l’imponente mole della Croda Rossa.

Bivacco Ulrich Lateltin

rilevatore:  Lorenzo Bocca

Bivacco con tipologia a semibotte, di notevoli dimensioni, collocato ai piedi del Testa Grigia e al di sopra dei laghi Pinter.

Bivacco Rossi e Volante

rilevatore:  Lorenzo Bocca

Questo bivacco rappresenta la costruzione più alta dell’intera Val d’Ayas e ricorda gli alpinisti Giorgio Rossi e Cesare Volante periti in Nepal nel 1963.