di Luca Gibello

missione2-barisonziIl 17 agosto Luca Barisonzi, 24 anni, alpino tetraplegico a seguito di un agguato in Afghanistan, ha raggiunto la Capanna Regina Margherita sulla Punta Gnifetti del Monte Rosa (4554 m). La notizia del raggiungimento del rifugio più alto d’Europa da parte di un diversamente abile non può che rallegrarci, tanto più in questa stagione così magra di soddisfazioni alpinistiche per via del meteo. L’impresa è stata possibile grazie a un’apposita sedia cingolata guidata con joystick dallo stesso Barisonzi, trasportato alla Capanna Gnifetti (3647 m) dall’elicottero e accompagnato da un amico alpinista, suo personal trainer, nonché da un’équipe di medici e guide alpine di Alagna Valsesia.

La vicenda ben rivela il paradosso cui rischiano di andare incontro i rifugi in vista di eventuali adeguamenti per l’abbattimento delle barriere architettoniche in ottemperanza alle sempre più stringenti normative edilizie (prossima scadenza, la “mannaia” della sicurezza antincendio, nell’ottobre 2015). Infatti, che senso ha rendere liberamente accessibili edifici collocati in luoghi estremi il cui raggiungimento è possibile, come dimostra il caso di Barisonzi, solo grazie al dispiegamento di (più o meno imponenti) apparati organizzativi a margine? Con ciò non si intende sostenere che i diversamente abili non debbano frequentare i rifugi; anzi! Semplicemente, dato che il raggiungimento della meta potrà avvenire solo tramite un’assistenza, non riteniamo affatto svilente che questa esista (perchè no, magari con l’ausilio di personale all’uopo preparato) anche all’interno del rifugio, per salire le scale o accedere ai servizi. Auspichiamo invece che sempre più gli appassionati della montagna si impegnino in tal senso per far fruire l’alta quota a tutti, ma senza le ipocrisie di un politically correct che sarebbe solo di facciata, perché non terrebbe conto dei reali dati fisici del contesto montano. Allo stesso modo si comporta il legislatore, ignorando la particolarità geografico-antropologica del rifugio ed equiparandolo a una qualsiasi altra struttura ricettiva!