IMG_2423 IMG_2421 IMG_2428 IMG_2436 IMG_2439In concomitanza con i festeggiamenti finali per il 150° di fondazione del CAI è approdata a Torino la mostra Rifugi alpini ieri e oggi. Un percorso storico tra architettura, cultura e ambiente, curata dalla nostra associazione. Inaugurata al Castello del Valentino mercoledì 23 ottobre (proprio in occasione dello scoprimento della lapide che ricorda la sede che ospitò l’assemblea in cui Quintino Sella, Bartolomeo Gastaldi e C. costituirono il sodalizio), è visitabile fino a giovedì 31 ottobre (ingresso libero, ore 8-19). In un suggestivo allestimento d’impatto scenografico, i 26 teli appesi alle catene delle volte dei due porticati d’ingresso ripercorrono nel tempo e nello spazio alcune tappe fondamentali della storia della costruzione dei rifugi e dei bivacchi, attraverso una sequenza di straordinarie immagini d’epoca e disegni (provenienti in buona parte dal Museo nazionale della Montagna – Biblioteca nazionale CAI), affiancati da recenti foto a colori d’autore, riprodotte in grande formato.

La mostra, itinerante, è ormai giunta alla sua undicesima tappa. Dopo le prime due nel 2012 (nel centro storico di Udine e presso il rifugio Baita Tonda di Folgaria (Trento), quest’anno è stata ospitata a Verona, Longarone, Trento (in occasione del convegno internazionale Rifugi in divenire organizzato da Accademia della Montagna del Trentino e curato scientificamente proprio da Cantieri d’alta quota), Sondrio, Rodi-Fiesso (Canton Ticino), Pont St. Martin, Belluno (in occasione di “Oltre le vette”) e Bergamo (in occasione di “BergamoScienza”). Ma la rassegna è anche “incrementale”, ovvero si accresce con approfondimenti sui rifugi legati ai territori circostanti la sede ospite: così è avvenuto a Trento, in Valtellina, in Canton Ticino e a Belluno; e così è in questa tappa, dove sono illustrati tutti i rifugi di proprietà del Cai Torino, oltre a un progetto sperimentale di bivacco elaborato dalla sezione in collaborazione con il Politecnico di Torino.

La mostra, patrocinata da Club alpino italiano, Museo nazionale della Montagna CAI Torino, Biblioteca nazionale CAI e associazione Arte&Architettura, gode del sostegno di Ordine degli architetti di Udine, Club alpino svizzero, Accademia della Montagna del Trentino, Fondazione Courmayeur e ARCA, il marchio di qualità delle costruzioni in legno. Nel 2013 i prossimi appuntamenti saranno a Briga (dal 6 al 10 novembre in occasione del Festival “BergBuchBrig”) e a Omegna (dal 17 novembre alle festività natalizie).